• Techical Area:
  • Area di Progetto:
  • Durata:
  • Voto medio:

Sviluppare strumenti di sanificazione a luce UV-C grazie a Simcenter FLOEFD

  • Lascia la prima recensione
Play
Condividi

Le radiazioni UV sono note soprattutto perché fanno male agli occhi e alla pelle durante le giornate estive. Tuttavia, le radiazioni di tipo UV-C (lunghezza d’onda 100-280 nm) possono anche essere utilizzate per colpire batterivirusmuffe e altri agenti patogeni. A causa della loro breve lunghezza d’onda, i raggi UV-C possono entrare nelle cellule dei microrganismi, danneggiare il loro DNA e disattivarli, riducendo così la carica infettiva.

Realizzando sorgenti di luce UV-C in dispositivi come depuratori d’aria, condotte HVAC o scambiatori di calore come i dispositivi di purificazione dell’acqua, gli ingegneri adesso possono progettare dispositivi che sterilizzano superfici, fluidi e aria da vari tipi di microrganismi, incluso il coronavirus.

In questo Digital Snack di Cadlog, curato da Stefano Morlacchi, vediamo come i progettisti possono utilizzare Simcenter FLOEFD per creare rapidamente dispositivi di purificazione efficaci, garantendo che ai microrganismi che passano sotto le fonti di luce UV-C venga somministrata una dose di radiazione UV-C sufficiente. Dopo una breve introduzione, verranno forniti alcuni esempi di progettazione.

sanificazione a luce UV-C coronavirus

IN questo esempio di applicazione viene mostrata una simulazione con sorgenti di luce UV-C.. A sinistra, la simulazione effettuata da Simcenter FLOEFD sull’efficienza germicida. A destra, il grado di irraggiamento. (fai click sull’immagine per ingrandirla e vedere i dettagli)

Strumento principale

Nessuna recensione di Sviluppare strumenti di sanificazione a luce UV-C grazie a Simcenter FLOEFD
Lascia la prima recensione

Commenti per Sviluppare strumenti di sanificazione a luce UV-C grazie a Simcenter FLOEFD

Ancora non ci sono recensioni per Sviluppare strumenti di sanificazione a luce UV-C grazie a Simcenter FLOEFD
Scroll to top